L’Ammazzainverno si è concluso, domenica 24 febbraio, a Santa Croce di Borgomanero, a poche centinaia di metri da dove aveva preso inizio ormai quattro mesi fa.

Una giornata soleggiata ma fredda ha accolto i 425 podisti presenti nella sede della locale sezione AVIS.

Partenza alle 9:30 poi via per un chilometro pianeggiante da correre a tutta. Lasciato ormai il centro abitato, la strada diventava sentiero e si impennava lungo il crinale della collina, con uno strappo non indifferente reso ancor più difficoltoso dalla presenza di fango e foglie. Arrivati alla sommità, in località Piovino, un lungo rettilineo portava verso il centro di Gargallo, passando a fianco del campo sportivo ben noto a chi frequenta le corse serali estive.

Da qui si tornava sullo sterrato con un sentiero che riportava rapidamente alla quota di partenza, con gli ultimi due chilometri ancora da percorrere prima di tagliare il traguardo.

A fine gara sono cominciati i conteggi per decretare il gruppo vincitore della classifica generale dell’Ammazzainverno. Dopo un lungo testa a testa, durato tutta la stagione, a spuntarla è stato il G.S. La Cecca Borgomanero, che proprio nell’ultimo appuntamento è riuscito ad avere la meglio sul G.S. Castellania e a ri-confermarsi “campione d’inverno” con 717 punti, rispetto ai 712 raccolti dai gozzanesi in maglia verde.

Terminato l’Ammazzainverno, a sancire il passaggio di consegne con la Gamba d’Oro sarà la tappa di Marano Ticino in programma per domenica 3 marzo. Si torna a correre sui 10km, eventualmente sul minigiro, e, attenzione, la partenza sarà alle ore 9:00.

Ordine di arrivo – 6,4 km
Uomini
1° Andrea Medina
2° Paolo Giromini
3° Lorenzo Marcioni
4° Ivan Trani
5° Mauro Pastore

Donne
1° Micol Ramundo
2° Barbara Benatti
3° Gabriella Gallo
4° Mara Tonoli
5° Monica Coppo

Classifica finale gruppi Ammazzainverno
1° G.S. Castellania – 717 punti
2° G.S. La Cecca Borgomanero – 712 punti
3° Podistica 2005 Cressa – 591 punti
4° G.S. Paruzzaro – 580 punti
5° G.S. Gravellona VCO – 419 punti

Foto dell’evento:
G.S. Paruzzaro

Vota o commenta l’articolo, per noi è importante avere il parere dei runner: