Programmazione gare: come e perchè

0
506
Programmazione gare come e perchè

Cross, corsa su strada, mezza maratona e maratona. Per chi ama la corsa la scelta è ampia, ma spesso e volentieri c’è chi prepara una lunga distanza (come la maratona) ed allo stesso tempo vuol essere veloce nelle corse su strada di breve distanza.

Se poi si ha anche la passione della montagna, perché in previsione della maratona non inserire un trail? Sembrerà strano ma questo è il pensiero della maggior parte degli amatori.

Io penso che in questo mondo tutto sia possibile… Se però una gara viene programmata, lo si deve fare al meglio!

Dall’obiettivo finale, ovvero la gara alla quale partecipare, si programmano gli allenamenti introduttivi, il carico dei lavori (quantità e qualità). Le gare che io chiamo “gare test” che servono a stimolare l’atleta ed a valutare il risultato degli allenamenti fino a quel preciso momento.

Programmare al meglio un determinato periodo fa si che le fatiche degli allenamenti abbiano il risultato voluto e soprattutto con i giusti carichi si evitano gli infortuni che sono sempre dietro l’angolo (a rovinare mesi di allenamenti e di conseguenza l’obiettivo finale).

Nella tabella personalizzata ci deve essere un periodo di due settimane di costruzione corsa e muscolare specifica. Un periodo di carico seguito da una settimana di scarico. Un periodo di lavoro specifico seguito da una settimana di scarico con gare test ed una rifinitura a ridosso della gara.

Quindi, secondo il mio modesto parere, programmare una stagione o una precisa gara è la cosa più corretta da fare! Soprattutto è stimolante seguire un programma specifico e raggiungere il proprio obiettivo.

La settimana prossima entreremo più nel dettaglio andando a definire cosa si intende per test di soglia.

Vota o commenta l’articolo, per noi è importante avere il parere dei runner:

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here