La Pegasus Trail è la declinazione off road della famosissima scarpa Nike che inanella successi di vendite per la sua polivalenza. Siamo già alla terza versione di questo nuovo prodotto (in commercio da soli 3 anni) con tanti nuovi aggiornamenti.

Andiamo ora ad analizzare tutti i dettagli della terza versione di questa scarpa da running.

Pegasus Trail 3 caratteristiche

La Nike Pegasus Trail 3 è famosa per essere una scarpa comoda, morbida e molto trasversale, proprio come la sua sorella dedicata all’asfalto: la Nike Pegasus 37. Le sue caratteristiche sono l’intersuola soft, la tomaia ultra confortevole e la struttura robusta a discapito di un peso non troppo contenuto.

Queste caratteristiche la rendono una compagna perfetta per una passeggiata in montagna, per un trail lungo e non troppo tecnico ma inadatte e sconsigliate per strappare un PB sul tuo segmento di Strava preferito.

Nello specifico la Pegasus Trail 3 pesa 321 grammi in taglia 44 con un drop (tacco-punta) di 9,5 mm e sono scarpe da trail running adatte ad atleti con appoggio neutro.

Suola

La suola e l’intersuola della Pegasus Trail 3 ricalcano esattamente quella della seconda versione. Sono realizzate in gomma molto resistente con tacchetti a disegno bidirezionale ispirato ai copertoni da fuoristrada per garantiti un ottimo grip nella zona dell’avampiede in fase di spinta e nella zona tallonare in caso di frenata in discesa.

Nella zona mediale del piede è stato inserito un badge giallo, il Rock plate, caratterizzato da un’area rinforzata per proteggere il piede dalle rocce appuntite sui sentieri più tecnici.

L’intersuola è composta in schiuma REACT, l’ormai famosa tecnologia Nike che garantisce scarpe comode, reattive (come indica il nome stesso) e durature nel tempo.

Tomaia

La tomaia della Pegasus Trail 3 è, a mio parere, il vero punto debole di questa scarpa.

É stata continuamente migliorata nel corso degli anni, ma ancora mostra il suo lato debole: in questa versione è stata totalmente rinnovata con l’aggiunta di una fascia dinamica a sostegno della zona intermedia del piede, un collarino che aiuta la calzata in corrispondenza del tallone e dei nuovi passaggi per i lacci di chiusura.

Detto questo… Perchè la considero il punto debole di questa scarpa da running?

Perché la tomaia della Pegasus Trail 3 trova facilmente il suo limite nei movimenti che richiedono la torsione del piede intorno all’asse verticale. Utilizzandola ho notato degli impedimenti quando si curva l’appoggio o si cambia direzione in modo repentino. Lo scarso supporto sui tracciati più tecnici può lasciare l’amaro in bocca e… la caviglia girata.

Nike Pegasus Trail 3 v.s. Pegasus Trail 2

I tecnici Nike hanno puntato su due aspetti principali per migliorare e differenziare la Pegasus Trail 3 dalla Pegasus Trail 2:

  • Il design: con delle nuove colorazioni mozzafiato, l’inserimento del collarino tallonare e delle linee che richiamano il “ritorno alle origini” della Pegasus;
  • La tomaia: ridisegnata completamente. Sono stati applicati nuovi rinforzi per renderla più resistente alle forze di taglio ed all’irrigidimento torsionale. La calzata è stata migliorata grazie all’abbinamento linguetta-fascia dinamica, per garantire una migliore stabilità nella zona mediale del piede.

Non sono grandi cambiamenti, ma piccoli ed apprezzatissimi aspetti che migliorano un prodotto già molto valido.

Nike Pegasus Trail 3 opinioni

Gli aggiornamenti apportati alla nuova Nike Pegasus Trail 3 dimostrano la volontà di Nike nel continuare a migliorarsi ed investire sui nuovi modelli di scarpe da trail running.

Per quanto riguarda la Pegasus Trail 3 la direzione è quella giusta. Secondo me, un miglioramento importante da apportare nelle prossime versioni è sulla struttura della tomaia e sono sicuro che Nike tirerà il “coniglio dal cilindro” come solo lei sa fare. Questo porterebbe la Pegasus Trail ad essere una vera scarpa da trail running top di gamma per le medie e lunghe distanze.

Se hai trovato utili le informazioni faccelo sapere nei commenti, sulla nostra pagina Facebook – profilo Instagram o semplicemente condividendo le informazioni con i tuoi amici runner. Alla prossima corsa!

Da sempre sportivo ed amante della fatica, appassionato nell’incrociare le metodologie di allenamento derivanti dal functional, ciclismo e running. Lift hard & run fast il suo motto, che definisce la sua idea di atleta completo a 360°, eccellente in niente, ma performante in tutto. Brand ambassador Mister Running e Nike Running.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome