5 motivi per correre la maratona di New York

La maratona di New York 2019 si svolge domenica 3 novembre ed è sicuramente uno degli eventi più attesi dell’anno da parte di tantissimi corridori in giro per il mondo. Ecco perchè:

Non è una maratona per battere il proprio PB:

Potrebbe sembrare uno strano motivo per amare una maratona. Ma il fatto che New York non sia veloce come Londra o Berlino significa che puoi correrla senza preoccuparti dell’orologio. C’è un tempo e un luogo per la caccia al PB. Ma non a New York, quindi divertiti e guardati intorno. Goditi ogni miglio.

L’incredibile supporto del pubblico:

Il supporto del pubblico a New York è enorme, si ha la sensazione che le persone escano da casa solo per supportare i corridori! “Dopo la quiete delle sezioni del ponte, sei colpito da questo incredibile muro di suoni. È un’esperienza che non dimenticherò mai” afferma il vicedirettore di RW, Joe Mackie, che ha corso la gara nel 2013.

La colonna sonora della gara:

Dai cori gospel ai beat-boxer, passando per gruppi jazz… La maratona di New York è un piacere per le orecchie e per gli occhi. La musica è una parte importante del patrimonio della città e svolge un ruolo da protagonista anche nella sua maratona. Quindi… NON indossare gli auricolari mentre la corri.

Central Park è un paradiso per i runners:

La maratona di New York, alle origini, era semplicemente un giro di Central Park. “Dal punto di vista paesaggistico, il percorso tocca un sacco di punti spettacolari”, afferma l’editore di RW, Andy Dixon, quattro volte vincitore della maratona. “E finire la maratona a Central Park, il paradiso dei runners, è la ciliegina sulla torta.”

I ponti sono spettacolari:

Ci sono dei ponti e ponti… Poi c’è il Verrazzano-Narrows Bridge, che i corridori attraversano all’inizio della maratona. Il ponte sospeso a due piani che collega Staten Island e Brooklyn, alto 200 metri e lungo circa 1,2 km.

Fonte: Runnersworld.com/uk

Vota o commenta l’articolo, per noi è importante avere il parere dei runner: