Cos’è la pubalgia:

La pubalgia si caratterizza per una sofferenza dei muscoli che si inserzionano nel pube, può dare una sintomatologia che per la maggior parte dei casi interessa l’interno coscia.

Spesso un podista può avere alterazioni del modo di camminare, cambiando calzature, avendo scarpe non adeguate o subendo traumi al piede e alla gamba.

Questo espone la muscolatura a stimoli di carico diversi, causando reazioni infiammatorie e quindi dolore.

Altre cause comuni sono:
– limitazioni articolari
– pregressi traumi a carico del bacino o del ginocchio
– alterazioni della muscolatura dell’addome e della coscia
– sovraccarico muscolare conseguente a disfunzioni della postura.

Come trattare la pubalgia:

Per molto tempo il trattamento principale è stato il riposo totale dall’attività. Quest’ultimo non può però essere la soluzione al problema. Infatti il riposo fa parte di una primissima fase in cui, assieme ad altre terapie (terapie fisiche e terapie manuali), si riduce l’infiammazione e i sintomi.

In seguito però il muscolo deve essere rieducato e stimolato, in modo da sopportare in modo funzionale l’attività fisica una volta che si riprende con lo sport.

Gli esercizi più funzionali sono quelli isometrici (contrazione muscolare senza movimento) ed eccentrici (contrazione mentre il muscolo viene allungato), questo perché un muscolo pronto allo sport è un muscolo forte ed elastico. La fase dello stretching specifico è ovviamente fondamentale da aggiungere al potenziamento.

La pubalgia rientra nei casi in cui si lavora con l’esposizione al carico e con il carico tollerato. Quindi , se si corre 1 ora al giorno, ma si è allenati solo per 30 minuti (ovvero ho un carico tollerato di 30 minuti) probabilmente andrò incontro a problematiche.

Questo meccanismo sta alla base della logica per la quale la pubalgia ha bisogno di lavoro attivo, esercizi specifici e allenamento per non ripresentarsi.

È necessario aumentare gradualmente il carico di tolleranza fino a che combacia con il tempo che dedico allo sport specifico.

Se pensi di avere bisogno di essere seguito o di avere consulenza, contattami alla mail rugamarta@gmail.com

Se hai trovato utili le informazioni faccelo sapere nei commenti, sulla nostra pagina Facebook – profilo Instagram o semplicemente condividendo le informazioni con i tuoi amici runner. Alla prossima corsa!

Fisioterapista specializzata in terapia manuale e manipolativa ed in posturologia e osteopatia clinica. Dal 2016 lavoro presso il centro Juventus J Medical, di Torino; mentre dal 2019 lavoro anche in libera professione a Cureggio (presso centro medico Teorema) e collaboro con la Federazione Italiana Sci Nautico e Wakeboard (FISW). È sempre stato molto interessante per me lavorare con sportivi, perchè ci vuole velocità, intuizione e collaborazione e trovo tutto questo molto stimolante. La corsa è un tema presente in molte discipline sportive, come obiettivo o come preparazione e mezzo. È bello quindi per me potermi relazionare di più con i runners per crescere, migliorare insieme e tenerci sempre “allenati” nel miglior modo possibile

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome